Screening del Colon Retto

Informazioni generali

Le persone di età compresa tra i 50 e i 69 anni vengono invitate a fare un semplice test che evidenzia la presenza o meno nelle feci di piccolissime quantità di sangue occulto, cioè invisibile ad occhio nudo.
Per fare l'esame si deve raccogliere un piccolissimo campione di feci attenendosi alle istruzioni fornite dagli operatori che distribuiscono il kit nei diversi centri di distribuzione e raccolta; successivamente ciascuno esegue l'esame al proprio domicilio e lo riconsegna nel giorno indicato.
Poiché è un test immunologico di ultima generazione non richiede una particolare dieta nei giorni che precedono il prelievo, né la ripetizione del campione per 3 giorni di seguito.
Come tutti gli esami di screening presenta dei limiti, perciò se si notano perdite di sangue con le feci o cambiamenti nelle abitudini dell'intestino è importante rivolgersi al medico curante, anche se si è già eseguito un test di screening con risultato negativo.
Tuttavia è scientificamente provato che l'esecuzione ogni 2 anni della test della ricerca del sangue occulto nelle feci (FOBT) può salvare molte vite: si possono diagnosticare tumori allo stadio iniziale, e quindi più facilmente guaribili, o asportare polipi prima che diventino tumori.
Nella maggior parte dei casi, circa il 95%, il risultato della ricerca è negativo,
Nel caso risulti positivo, può essere dovuto a ragadi, emorroidi o diverticoli.
E' possibile, però, che il sanguinamento sia causato da polipi e in qualche caso da tumori maligni; per questo motivo è necessario eseguire una colonscopia di approfondimento, gratuita e organizzata dal programma di screening.
La ricerca del sangue occulto è un esame che si ripete ogni 2 anni ed è rivolto a tutti gli uomini e le donne tra i 50 e i 69 anni che non abbiano apparenti disturbi intestinali o in cui la malattia non si sia già manifestata.

Informazioni pratiche

Nel programma di screening non sono le persone a richiedere l'esame, ma vengono invitate con una lettera in cui è specificato il giorno, ora e sede dell'appuntamento per il ritiro della provetta.
In quell'occasione viene spiegato come raccogliere il campione e specificato quando e dove riportarlo.
All'appuntamento può presentarsi o l'interessato oppure un'altra persona incaricata senza delega, l'importante è presentarsi con la lettera ricevuta in originale.
L'esame è gratuito e non è necessaria l'impegnativa del medico curante.
Nel caso in cui si rendano necessari degli approfondimenti la persona viene presa in carico dallo screening attraverso un percorso diagnostico terapeutico specifico e prioritario.

A chi rivolgersi:

                        Per informazioni e cambio appuntamenti può telefonare al numero

                                                                  0438.663933

                            dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 16.30
                 (in altri orari è attiva la segreteria telefonica in cui si può lasciare un messaggio)
                                                                    e - mail
                                                             screening@ulss7.it

 

Approfondimenti:

www.giscor.it (Gruppo Italiano Screening Colorettale)