Indietro

Presentato dal Presidente Zaia il progetto del nuovo Polo Area Critica e Medica dell'Ospedale di Conegliano

Presentato dal Presidente Zaia il progetto del nuovo Polo Area Critica e Medica dell'Ospedale di Conegliano


02.08.2018

Al via la seconda tranche del nuovo Ospedale di Conegliano. Dopo il Polo Chirurgico, completato nel 2011, la Direzione dell’Ulss 2 prosegue l’operazione di completo rinnovamento del Santa Maria dei Battuti con la realizzazione del secondo Polo, un grande nuovo complesso che ospiterà Area Critica, Medica, Diagnostica e Materno-Infantile.

 

Moderno e tecnologicamente avanzato, ecocompatibile, flessibile, integrato con il resto del nosocomio e con il territorio ma, soprattutto, incentrato sulla persona: queste le caratteristiche del nuovo Polo, illustrate oggi nella sala conferenze Mons. Dal Col alla presenza del Presidente della Regione, Luca Zaia.

Il nuovo fabbricato, costituito da sei piani fuori terra oltre a uno interrato, sarà realizzato nell’area a nord ovest del Polo chirurgico laddove sorge, attualmente, il parcheggio dei dipendenti: sarà collegato e integrato con l’attuale sistema ospedaliero e vi si accederà sempre dall’attuale ingresso principale, situato in via Bisagno.

Il nuovo Polo consentirà un notevole salto di qualità sul fronte dell’assistenza, del comfort, dell’umanizzazione e dei percorsi sia di accesso che interni.

 

La decisione di recuperare e aggiornare il progetto del Polo di Area Critica e Medica è stata assunta alla luce dell’analisi di fattibilità ed economicità effettuata dall’Ufficio Tecnico. Due erano le ipotesi sul tavolo: mettere a norma il vecchio ospedale, con tutto ciò che questo avrebbe comportato, costi a parte, in termini di tempistica e di disagi per la prosecuzione dell’attività ospedaliera, o puntare sul nuovo. L’analisi comparata non ha lasciato dubbi: molto meglio puntare sul nuovo perché, a parità di costi, in un tempo decisamente inferiori e, soprattutto, senza causare alcun disagio all’attività ospedaliera Conegliano potrà avere, alla fine, un ospedale praticamente nuovo.

 

Il nuovo progetto prevede, oltre alla realizzazione del nuovo Polo anche la demolizione, una volta ultimata l’edificazione del complesso, dell’ala est del Santa Maria dei Battuti, vale a dire la parte di fabbricato dal Pronto Soccorso fino all’obitorio. La realizzazione del Polo Area Critica e Medica richiederà quattro anni e un investimento di 50 milioni di euro, la ristrutturazione del corpo centrale e dell’ala est richiederanno, invece,  6 anni e un investimento di 24.560.783 euro.

 


Torna indietro